Supercella Temporalesca

La Supercella Temporalesca: un Fenomeno meteo estremo con casi anche in Italia

La supercella temporalesca è un fenomeno meteorologico estremo che si origina in diverse parti del mondo. Complice il cambiamento climatico, si registrano sempre più casi anche in Italia. È nota per la sua capacità di generare tornado, grandine di dimensioni rilevanti, forti raffiche di vento e pioggia intensa. Questo tipo di temporale è caratterizzato da una struttura unica e complessa che lo rende differente dalle comuni celle temporalesche.

Supercella Temporalesca
Nella foto una supercella temporalesca in New Mexico / Credits: Greg Lundeen, Public domain – Wikimedia Commons

Cos’è una Supercella Temporalesca

La supercella è un tipo di temporale molto sviluppato, caratterizzato da un’unica e grande cella temporalesca, dotata di correnti ascendenti e discendenti estese su una scala molto più ampia rispetto alle celle comuni. La sua struttura è dominata dalla presenza di un mesociclone, una grande area di moto rotatorio all’interno della supercella, che conferisce a quest’ultima le sue caratteristiche peculiari.

Principali Caratteristiche:

  1. Mesociclone: Il cuore della supercella è il mesociclone, una grande area di rotazione all’interno della cella. Questo fenomeno è ciò che distingue le supercelle dalle celle temporalesche ordinarie.
  2. Updraft: La supercella è alimentate da un più sviluppato flusso d’aria ascendente chiamato “updraft”, che trasporta aria calda e umida verso l’alto.
  3. Downburst e Raffiche di Vento: La supercella può generare forti downburst, una brusca discesa d’aria fredda e pesante verso il suolo, causando potenti raffiche di vento e pioggia che possono causare danni significativi.
  4. Grandine: La supercella in alcuni casi può produrre grandine di dimensioni notevoli, con chicchi di grandine che possono superare i 10 cm di diametro, capaci di danneggiare colture, veicoli e infrastrutture.
  5. Tornado: Se le condizioni atmosferiche sono favorevoli, le supercelle possono generare tornado di origine mesociclonica, generalmente più potenti rispetto a tornado o trombe d’aria (termini che sono sinonimi) con una diversa genesi.

Come si forma una Supercella

Le supercelle si sviluppano quando specifiche condizioni atmosferiche si combinano in modo favorevole, dando origine alla rotazione e formazione del mesociclone interno. Questi elementi includono un’atmosfera instabile con una notevole quantità di energia potenziale disponibile, venti a differenti altitudini che ruotano in modo opposto (windshear), e un meccanismo innesco come un fronte freddo o una linea di instabilità.

Supercella in Texas
Il colore verde all’interno della supercella, indica la presenza di gradine / Credits: Kyle Cutler, Public domain – Wikimedia Commons

Le Modalità di Riconoscimento

Gli esperti identificano le supercelle attraverso diverse tecniche, come l’osservazione dal vivo, immagini satellitari e dati radar.

Osservazione dal vivo:
– Da vicino, una supercella appare come un’enorme base avanzante del temporale, spesso con una “shelf cloud” e moto rotatorio antiorario nell’emisfero nord.
– Può avere un “wall cloud” alla base del cumulonembo sulla parte posteriore.
– Da lontano, si nota una cupola persistente sopra l’incudine del cumulonembo (overshooting top).
– Si possono osservare striature di nubi sui fianchi del cumulonembo, indice di rotazione.
– Le bande di precipitazione sono fitte e non disposte a linea.

Osservazione dal vivo
Schema osservazione dal vivo di una supercella temporalesca / Credits: Vanessa EzekowitzSupercell02.jpg, CC BY-SA 3.0 – Wikimedia Commons

Osservazione dal satellite:
– Le supercelle appaiono di colore bianco intenso al satellite nel canale infrarosso.
– Può essere visibile l’ombra dell'”overshooting top” sulla superficie dell’incudine al satellite nel canale visibile.
– Le immagini satellitari in moviola possono mostrare una direzione non sempre coerente con il flusso in quota.

Osservazione da satellite
Supercelle in Oklaoma osservate da satellite / Credits: NASA image courtesy Jeff Schmaltz, LANCE/EOSDIS MODIS Rapid Response Team at NASA GSFC. Caption by Mike Carlowicz and Adam Voiland., Public domain – Wikimedia Commons

Osservazione al radar:
– Le supercelle al radar hanno una notevole estensione geografica.
– Si può osservare un “eco ad uncino” (segno della rotazione del mesociclone) vicino al quale si trova il settore con massima intensità di precipitazioni.

Osservazione radar
Osservazione radar con la caratteristica eco a “uncino” / Credits: Storm Prediction Center, Public domain – Wikipedia Commons

Le supercelle temporalesche sono tra i fenomeni meteorologici più potenti e pericolosi sulla Terra. La loro complessa struttura, alimentata da un intenso flusso d’aria ascendente e con la presenza di un mesociclone, le rende un oggetto di grande fascino per gli scienziati e di grande preoccupazione per le comunità coinvolte. Capire il loro sviluppo e comportamento è essenziale per proteggere vite umane e proprietà dai loro effetti devastanti.

Supercella in Sud Dakota
Nella foto una supercella temporalesca in Sud Dakota ripresa da un drone / Credits: Ezra Moore with Aerial 605, Public domain – Wikimedia Commons

Ti potrebbe interessare:

Altri contenuti utili e approfondimenti da consultare sul sito web:

1 2 3 4

Quanto ritieni utile questa pagina?

Clicca sulle stelle per votare.

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Ancora nessun feedback, sii il primo a votare.

Ci spiace che non sia di tuo gradimento.

La tua opinione è importante, aiutaci a capire.

Come può essere migliorata questa pagina? Quale contenuto vorresti trovare?